La Biobanca come risorsa preziosa per la ricerca biomedica e le nuove tecnologie “-omiche”

DSC 0948

La biobanca dell’IFC- CNR è stata istituita per la raccolta e la conservazione di materiale biologico umano per attività di ricerca finalizzate all’avanzamento delle conoscenze scientifiche di molte malattie comuni come le malattie cardiovascolari, il cancro,  il diabete  e le malattie neurodegenerative.

In questo ambito di attività,  la  conservazione adeguata di campioni umani (campioni di sangue, plasma, cellule isolate e frazionate) è di fondamentale importanza per  le nuove tecnologie “omiche” (trascrittomica, proteomica, metabolomica,  esposoma) al fine di individuare i meccanismi molecolari e definire nuovi strumenti  di prevenzione, diagnosi e cura della maggior parte delle malattie complesse, nella cui complessa patogenesi i fattori ambientali interagiscono con fattori di tipo genetico.

Per far fronte ad una moderna ricerca traslazionale, l’IFC-CNR ha recentemente attivato una partnership con Air Liquide Sanità Service, in grado di assicurare  il know-how necessario per la realizzazione di un impianto di stoccaggio  di campioni biologici con i più qualificati standard di crioconservazione ed alti livelli di sicurezza.

IfcbioBancaMedio

Requisiti strutturali e tecnologici

Il nucleo della struttura è una sala in grado ospitare 28  criocontenitori, con una capacità di stoccaggio  per ognuno di circa 20000 provette di campioni biologici,  alimentati tramite una linea di distribuzione sottovuoto dell'azoto liquido stoccato in un serbatoio all’esterno del padiglione.

DSC 0931

L'accesso alla sala, avviene tramite l’utilizzo di badge elettronici ed è consentito solo personale autorizzato in presenza di un sistema di videosorveglianza.

La gestione della banca è supportata dal sistema software CryoSMART (Air Liquide Sanità Service, Italia) in grado di registrare e di certificare tutti i parametri operativi  (la percentuale di ossigeno ambientale, la fornitura dell’ azoto liquido, la sincronizzazione del riempimento dei criocontenitori) e di attivare, in caso di emergenza, un sistema di allarme attivo 24 ore/giorno per 365 giorni/anno.

Il medesimo sistema informativo consente  di tracciare la "vita" del campione biologico dall'accettazione all'analisi, con un particolare dettaglio delle posizioni di stoccaggio e di eventuali movimentazioni. Ogni allarme identificato come critico potrà essere inviato via SMS, chiamata vocale o e-mail agli operatori coinvolti al fine di consentire l'intervento in caso di emergenza.

Organizzazione

La Banca Biologica svolge servizio di conservazione di campioni a medio-lungo termine per attività di ricerca. Tutti i Ricercatori dell'IFC-CNR nonché ricercatori di altri enti e istituzioni di ricerca e assistenza pubbliche e private, nell'ambito di collaborazioni approvate, possono usufruire del servizio offerto dalla Banca Biologica.DSC 0945

Il servizio è organizzato in modo da assicurare i seguenti aspetti:

  • Sicurezza dell’operatore

  • Privacy  del soggetto donatore in conformità alla vigente normativa (D.lgs 196/2003 e successive raccomandazioni del Garante)

  • Assicurazione del rispetto delle procedure di raccolta e delle modalità di preparazione dei campioni da conservare

  • Qualità e conservazione del campione con una particolare attenzione alla tracciabilità delle operazioni

  • Corretta registrazione, gestione e distribuzione del campione.

La conservazione del materiale biologico avviene dopo aver ottenuto il consenso informato del donatore. Il programma informatico è realizzato tenendo conto di diversi livelli di responsabilità nella gestione dei dati sensibili.

L’attività e la sicurezza della Banca Biologica sono definite da un Regolamento Istituzionale e da linee guida pubblicate  dal CNB Comitato Nazionale per la Biosicurezza e le Biotecnologie, dal Comitato Nazionale per la Bioetica e quelle della Societa’ Italiana di Genetica Umana e Telethon, scaricabili e consultabili sul sito insieme alla modulistica per accedere ai servizi e il consenso informato .

Allegati:

Richiesta Prestazione

Consenso Informato

Regolamento Attività

Riferimenti Normativi 2006

Riferimenti Normativi 2008

 

Staff

Responsabile: Dr.ssa Maria Grazia Andreassi

Ricercatori: Dr.ssa Antonella Mercuri, Dr.ssa  Maria Rosa Chiesa

Collaboratori Tecnici: Stefano Turchi

Contatti:

Per informazioni o chiarimenti:  telefono: 050-3152783   050-3152130

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.