sorter-3Il Fluorescence Activated Cell Sorting (FACS) è una tecnica che permette di separare cellule con caratteristiche diverse che coesistono all’interno di una popolazione eterogenea. Il tipo cellulare d’interesse viene marcato utilizzando uno o più fluorofori (proteine fluorescenti come GFP o RFP espresse da opportuni vettori, anticorpi fluorescenti che riconoscono specifiche proteine di membrana, prodotti fluorescenti di specifiche attività enzimatiche, molecole fluorescenti che si intercalano al DNA) e viene separato dal resto della popolazione. L’imprescindibile vantaggio offerto dal FACS e’ che le cellule ottenute dopo sorting sono vitali e quindi possono essere studiate per le loro proprietà biologiche, oltre che per le loro caratteristiche fenotipiche. Il sorting viene per questo usato in vari ambiti di ricerca: in biologia cardiovascolare, per studiare il differenziamento delle cellule endoteliali; in biologia dello sviluppo, per studiare la formazione del cuore e del sistema nervoso centrale; nella biologia dei tumori, per studiare popolazioni eterogenee di cellule cancerose.

Per coprire una mancanza che non poco disagio ha creato ai ricercatori che operano sul territorio pisano (e non solo), lo sforzo congiunto dell’Istituto di Fisiologia Clinica, dell’Istituto Toscano Tumori e di altri gruppi appartenenti a vari Istituti del CNR (Istituto di Neuroscienze, Istituto di Biofisica, Istituto di Tecnologie Biomediche, Istituto di Ricerca Genetica e Biomedica) ha permesso di portare nell’Area della Ricerca S. Cataldo il cell sorter FACSJazz BD a 2 laser (488nm e 561nm). Inoltre, l’Istituto di Fisiologia Clinica, nei cui locali è posto il cell sorter, ha convenuto di dedicare all’utilizzo e alla manutenzione dello strumento un tecnico specializzato che ha al suo attivo più di 10 anni di esperienza di citofluorimetria, come indicato da molteplici pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali.

sorter-2Data la presenza di uno strumento efficiente e versatile come il FACSjazz e di un tecnico ad esso dedicato, IFC ha deciso di rendere l’accesso al sorter un servizio a pagamento aperto a tutti gli utenti interessati, sia quelli che operano all’interno di S. Cataldo che gli esterni.

Offrendo questo servizio, l’Istituto di Fisiologia Clinica è certo di venire incontro alle esigenze dei tanti ricercatori che, pur seguendo linee di studio diverse, sono accomunati dalla necessità di un cell sorter per separare e poi comparare e studiare cellule di tipo diverso. La presenza del FACSjazz a S. Cataldo si tradurrà sicuramente in una forte facilitazione nel raggiungimento degli obiettivi scientifici che ciascuno di questi ricercatori si prefigge.

IFC confida inoltre che l’utilizzo di uno strumento comune possa costituire l’occasione per stabilire nuove e proficue collaborazioni tra gruppi di ricerca e che quindi il FACSjazz possa avere una ricaduta benefica sull’intera comunità scientifica toscana, oltre ad aumentare il lustro, la competitività e la produttività dell’Area della Ricerca tutta.